Crea sito

Germania e Olanda hanno vinto

Condividi questo articolo:

Le decisioni dell’Eurogruppo

Germania e Olanda hanno vinto, mentre l’Italia e gli italiani hanno perso. Ve lo avevo anticipato ieri: i miei presentimenti (assolutamente fondati) sull’Eurogruppo non erano dei migliori; si son presi 12 giorni per riflettere, tra litigi e discussioni, poi 16 ore di teleconferenza, seguita da un giorno di stop causato da un nulla di fatto.

E ora, dopo qualche altro diverbio interno all’Eurogruppo, sono giunti alla conclusione che tutti immaginavamo, ma a cui non volevamo credere;  vi ricordo che potete leggere tutte le proposte che erano sul tavolo, cliccando qui.

Sostanzialmente la discussione dei Ministri delle Finanze, verteva attorno alle seguenti norme: Coronabond, MES, MES “light”, SURE , Recovery Bond, BEI.

Riassumendo, per farla breve, non è stata accolta nessuna proposta riguardante Eurobond; quindi l’unica cosa chiesta dal Governo italiano, non è assolutamente stata presa in considerazione. Approvati SURE e BEI, ed il MES senza condizioni per quanto riguarda le spese sanitarie; come ha scritto, tuttavia, il Ministro delle Finanze olandese (sì, lo stesso che ha chiesto all’UE di indagare l’Italia), la condizionalità entrerebbe in gioco in caso di utilizzo di questi fondi in campo economico.

Cosa accadrà successivamente alla pandemia?

Questa è un ottima domanda. Attualmente non sappiamo cosa accadrà, e quali saranno le sorti economiche del nostro Paese. Una cosa è però certa: il MES senza condizionalità è impossibile, e lo stabilisce l’articolo 136 comma 3 del TFUE.

Ricordo anche che questo trattato ha valore giuridico, ed è insindacabile; l’unica via possibile sarebbe quella di riscriverlo, modificandone gli articoli interessati. Tuttavia non credo che questo sia in procinto di accadere.

L’unica cosa certa, ora, è che il MES è stato approvato (attenzione, non firmato, approvato, non mettetemi in bocca parole non mie), mentre gli Eurobond sono stati rigettati, come da indicazione di mamma-Merkel.

Germania e Olanda hanno vinto
Immagine de ilTempo

Germania e Olanda hanno vinto, e il dietrofront di Gualtieri mi lascia assolutamente stupefatto, in senso negativo, ovviamente; il Governo aveva un’occasione d’oro per acquistare consenso. Un’ottima opportunità di dimostrare, oltretutto, che l’Italia c’è, è viva, e non è pronta a sottostare ai diktat europei.

Invece così non è stato ed anzi, hanno dimostrato, per l’ennesima volta, di essere proni all’UE, di essere schiavi consapevoli. Il MES è una cosa sola, non ne esistono molti, bensì uno soltanto. Son sicuro che il M5S proverà a difendere il suo Premier, con affermazioni “randomiche”, senza senso. Giri di parole volti a confondere l’elettorato, a disorientare le persone, facendo credere loro che questo sia un ottimo risultato.

Al contrario, credo sia importante anticipare a tutti voi che non funziona così: il MES è un qualcosa di orribile, che impoverisce i Paesi in difficoltà per arricchire quelli già ricchi (si veda il caso della Grecia).

Caro Gualtieri, lei ha tradito il popolo.

Condividi questo articolo:

2 commenti su “Germania e Olanda hanno vinto

  • 28 Maggio 2020 alle 23:14
    Permalink

    Siamo lieti di informarti sulle migliori offerte di bellezza e salute di questa settimana!

    ⁃ PERDERAI 14 KG IN 28 GIORNI
    ⁃ UNA VITTORIA GARANTITA SULLA PROSTATITE CRONICA
    ⁃ SCIENTIFICO MODO DI PERDERE IL PESO
    ⁃ IN 30 GIORNI LA TUA BILANCIA INDICHERÀ ANCHE FINO A 21 KG IN MENO
    ⁃ UN RIMEDIO CONTRO I PARASSITI
    ⁃ RIMEDIO PER I DOLORI ARTICOLARI

    Leggi i dettagli sul sito Web https://salute.fitslim.club

    Rispondi
  • 10 Aprile 2020 alle 20:01
    Permalink

    Questa Italia ti ti puo’ insegnare come si prospera e si diventa grandi, studia la storia non solo quella di Hitler di cui hai imparato tanto, ma quella del Rinascimento , quella di Carlo Magno ecc…. , non ti voglio mica portare via il piacere di conoscere la storia Italiana. Capisco la tua natura morta e capisco che non puoi capire la vita che c’e’ negli italiani.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *